About Energy
Comments Box SVG iconsUsed for the like, share, comment, and reaction icons
3 mesi fa
About Energy

Sismabonus acquisti, le condizioni per chi compra

No al sismabonus acquisti se i lavori di demolizione non sono stati commissionati da un’impresa di costruzione e/o ristrutturazione

L’Agenzia delle Entrate, con l’interpello n. 320/2021 fornisce alcuni chiarimenti in merito al sismabonus acquisti (art. 16, comma 1 del dl n. 63/2013, modificato dal decreto Rilancio, n. 34/2020).

Il quesito posto all’Agenzia
Una società di costruzioni, avente come attività la realizzazione di edifici residenziali e non, da vendere successivamente a terzi, chiede chiarimenti all’Agenzia delle Entrate in merito al sismabonus acquisti.

La società rappresenta di aver acquistato un terreno edificabile su cui eseguire lavori di valorizzazione immobiliare, consistenti nella realizzazione di un edificio residenziale con x unità abitative ed x autorimesse.

L’area oggetto di intervento era in precedenza di un’altra società che si occupava della fabbricazione di apparecchi elettrici per comunicazione (non era quindi un’impresa di costruzione e/ristrutturazione) che, nel 2018, richiedeva ed otteneva il permesso di costruire per la demolizione dei fabbricati preesistenti e la realizzazione di un nuovo edificio residenziale.

Al termine dei lavori di demolizione, la vecchia società però vendeva all’interpellante l’area edificabile risultante dalle demolizioni, libera da ogni fabbricato.

A tal riguardo, la società attualmente proprietaria dei terreni, precisa che:

ha acquistato il terreno demolito e libero da fabbricati;
la demolizione è stata commissionata dalla società cedente che non svolgeva attività di costruzione e/ristrutturazione;
non sussiste coincidenza tra la sua società, quella che ha realizzato le nuove unità immobiliari, e la società cedente che ha provveduto alla demolizione degli immobili preesistenti;
è subentrata, senza soluzione di continuità, al permesso di costruire rilasciato alla società cedente;
ha proseguito, senza soluzione di continuità, la valorizzazione degli immobili, avviando la realizzazione delle unità residenziali.
Richiesta dell’istante
L’istante chiede al Fisco se agli acquirenti delle unità immobiliari realizzate e non ancora rogitate spetti il sismabonus (trattandosi appunto di un caso di intervento di demolizione e ricostruzione per unità abitative di cui ancora non è stato fatto un atto notarile tra impresa d acquirente).

Parere dell’Agenzia delle Entrate
Come già precedentemente chiarito dall’Agenzia delle Entrate con la risposta n. 213/2020, ai fini dell’agevolazione del sismabonus non è necessario che l’impresa istante esegua direttamente i lavori di miglioramento sismico, ma i lavori possono essere appaltati ad altre imprese; tuttavia, condizione necessaria è che l’impresa appaltante sia “idonea” ad eseguire i lavori di costruzione e/o ristrutturazione, ossia che sia in possesso di un idoneo codice ATECO.

Conclusioni
Alla luce di quanto detto l’Agenzia delle Entrate, con l’interpello n. 320/2021, esclude categoricamente che gli acquirenti degli immobili in oggetto possano usufruire della suddetta agevolazione (sismabonus), in quanto i lavori di demolizioni sono stati commissionati da un’impresa diversa da un’impresa di costruzione e/o ristrutturazione.
... Vedi di piùVedi di meno

Sismabonus acquisti, le condizioni per chi compra

No al sismabonus acquisti se i lavori di demolizione non sono stati commissionati da un’impresa di costruzione e/o ristrutturazione

L’Agenzia delle Entrate, con l’interpello n. 320/2021 fornisce alcuni chiarimenti in merito al sismabonus acquisti (art. 16, comma 1 del dl n. 63/2013, modificato dal decreto Rilancio, n. 34/2020).

Il quesito posto all’Agenzia
Una società di costruzioni, avente come attività la realizzazione di edifici residenziali e non, da vendere successivamente a terzi, chiede chiarimenti all’Agenzia delle Entrate in merito al sismabonus acquisti.

La società rappresenta di aver acquistato un terreno edificabile su cui eseguire lavori di valorizzazione immobiliare, consistenti nella realizzazione di un edificio residenziale con x unità abitative ed x autorimesse.

L’area oggetto di intervento era in precedenza di un’altra società che si occupava della fabbricazione di apparecchi elettrici per comunicazione (non era quindi un’impresa di costruzione e/ristrutturazione) che, nel 2018, richiedeva ed otteneva il permesso di costruire per la demolizione dei fabbricati preesistenti e la realizzazione di un nuovo edificio residenziale.

Al termine dei lavori di demolizione, la vecchia società però vendeva all’interpellante l’area edificabile risultante dalle demolizioni, libera da ogni fabbricato.

A tal riguardo, la società attualmente proprietaria dei terreni, precisa che:

ha acquistato il terreno demolito e libero da fabbricati;
la demolizione è stata commissionata dalla società cedente che non svolgeva attività di costruzione e/ristrutturazione;
non sussiste coincidenza tra la sua società, quella che ha realizzato le nuove unità immobiliari, e la società cedente che ha provveduto alla demolizione degli immobili preesistenti;
è subentrata, senza soluzione di continuità, al permesso di costruire rilasciato alla società cedente;
ha proseguito, senza soluzione di continuità, la valorizzazione degli immobili, avviando la realizzazione delle unità residenziali.
Richiesta dell’istante
L’istante chiede al Fisco se agli acquirenti delle unità immobiliari realizzate e non ancora rogitate spetti il sismabonus (trattandosi appunto di un caso di intervento di demolizione e ricostruzione per unità abitative di cui ancora non è stato fatto un atto notarile tra impresa d acquirente).

Parere dell’Agenzia delle Entrate
Come già precedentemente chiarito dall’Agenzia delle Entrate con la risposta n. 213/2020, ai fini dell’agevolazione del sismabonus non è necessario che l’impresa istante esegua direttamente i lavori di miglioramento sismico, ma i lavori possono essere appaltati ad altre imprese; tuttavia, condizione necessaria è che l’impresa appaltante sia “idonea” ad eseguire i lavori di costruzione e/o ristrutturazione, ossia che sia in possesso di un idoneo codice ATECO.

Conclusioni
Alla luce di quanto detto l’Agenzia delle Entrate, con l’interpello n. 320/2021, esclude categoricamente che gli acquirenti degli immobili in oggetto possano usufruire della suddetta agevolazione (sismabonus), in quanto i lavori di demolizioni sono stati commissionati da un’impresa diversa da un’impresa di costruzione e/o ristrutturazione.
3 mesi fa
About Energy

Pubblicato il PNRR: Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza

Il Governo ha recentemente presentato il PNRR, Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza.

PNRR: Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza
All’interno del piano, la missione 2 riguarda la rivoluzione verde e la transizione ecologica. Il capitolo M2C3 pone tra i principali obiettivi la riqualificazione energetica degli edifici con 15,36 miliardi di risorse investite.

In particolare, la componente è costituita da tre linee:

Attuazione di un programma per migliorare l’efficienza e la sicurezza del patrimonio edilizio pubblico, con interventi riguardanti in particolare scuole e cittadelle giudiziarie;
Introduzione di un incentivo temporaneo per la riqualificazione energetica e l’adeguamento antisismico del patrimonio immobiliare privato e per l’edilizia sociale, attraverso detrazioni fiscali per i costi sostenuti per gli interventi;
Sviluppo di sistemi di teleriscaldamento efficienti.
... Vedi di piùVedi di meno

Pubblicato il PNRR: Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza

Il Governo ha recentemente presentato il PNRR, Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza.

PNRR: Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza
All’interno del piano, la missione 2 riguarda la rivoluzione verde e la transizione ecologica. Il capitolo M2C3 pone tra i principali obiettivi la riqualificazione energetica degli edifici con 15,36 miliardi di risorse investite.

In particolare, la componente è costituita da tre linee:

Attuazione di un programma per migliorare l’efficienza e la sicurezza del patrimonio edilizio pubblico, con interventi riguardanti in particolare scuole e cittadelle giudiziarie;
Introduzione di un incentivo temporaneo per la riqualificazione energetica e l’adeguamento antisismico del patrimonio immobiliare privato e per l’edilizia sociale, attraverso detrazioni fiscali per i costi sostenuti per gli interventi;
Sviluppo di sistemi di teleriscaldamento efficienti.
3 mesi fa
About Energy

In Gazzetta il D.L. n.59/2021: proroga al superbonus

Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 7 maggio 2021 il D.L. n.59 contenente “Misure urgenti relative al Fondo complementare al Piano nazionale di ripresa e resilienza e altre misure urgenti per gli investimenti.”

Nello specifico il D.L. n.59 ha disposto la proroga del Superbonus:

per i condomini e gli edifici plurifamiliari, al 31/12/2022 senza più la necessità di arrivare a un SAL di almeno il 60% entro il 30/06/2022 (cosa che è rimasta invece per le persone fisiche);
per gli IACP ed enti similari ulteriori 6 mesi, nel senso che la scadenza della misura è stata spostata al 30/06/2023 (precedentemente 31/12/2022), con possibilità di ulteriore estensione al 31/12/2023 (precedentemente 30/06/2023) se alla data del 30/06/2023 è stato raggiunto un SAL di almeno il 60%.
... Vedi di piùVedi di meno

In Gazzetta il D.L. n.59/2021: proroga al superbonus

Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 7 maggio 2021 il D.L. n.59 contenente “Misure urgenti relative al Fondo complementare al Piano nazionale di ripresa e resilienza e altre misure urgenti per gli investimenti.”

Nello specifico il D.L. n.59 ha disposto la proroga del Superbonus: 

per i condomini e gli edifici plurifamiliari, al 31/12/2022 senza più la necessità di arrivare a un SAL di almeno il 60% entro il 30/06/2022 (cosa che è rimasta invece per le persone fisiche);
 per gli IACP ed enti similari ulteriori 6 mesi, nel senso che la scadenza della misura è stata spostata al 30/06/2023 (precedentemente 31/12/2022), con possibilità di ulteriore estensione al 31/12/2023 (precedentemente 30/06/2023) se alla data del 30/06/2023 è stato raggiunto un SAL di almeno il 60%.
3 mesi fa
About Energy

Ok al Superbonus per il cambio di destinazione d’uso da magazzino ad abitazione

Dalle Entrate l’ok al beneficio del Superbonus 110% per il cambio di destinazione d’uso da magazzino ad abitazione purché risulti dal titolo edilizio

Le Entrate premettono che in linea generale, sono ammessi al Superbonus gli interventi che aumentano il livello di efficienza energetica, e quelli antisismici, effettuati su immobili a destinazione residenziale.
Sono esclusi i lavori eseguiti su unità immobiliari residenziali appartenenti alle categorie catastali A1, A8 e A9.
L’Agenzia ribadisce che è possibile usufruire del Superbonus anche quando le spese sono state sostenute per effettuare interventi su immobili che, solo al termine degli stessi, saranno destinati ad abitazione.
Il Fisco conclude che nel rispetto delle altre condizioni e degli adempimenti che la norma prevede per poter richiedere l’agevolazione, in tale situazione è comunque indispensabile che nel provvedimento amministrativo che ha autorizzato i lavori risulti chiaramente il cambio di destinazione d’uso (da magazzino ad abitativo).
... Vedi di piùVedi di meno

Ok al Superbonus per il cambio di destinazione d’uso da magazzino ad abitazione

Dalle Entrate l’ok al beneficio del Superbonus 110% per il cambio di destinazione d’uso da magazzino ad abitazione purché risulti dal titolo edilizio

Le Entrate premettono che in linea generale, sono ammessi al Superbonus gli interventi che aumentano il livello di efficienza energetica, e quelli antisismici, effettuati su immobili a destinazione residenziale.
Sono esclusi i lavori eseguiti su unità immobiliari residenziali appartenenti alle categorie catastali A1, A8 e A9.
L’Agenzia ribadisce che è possibile usufruire del Superbonus anche quando le spese sono state sostenute per effettuare interventi su immobili che, solo al termine degli stessi, saranno destinati ad abitazione.
Il Fisco conclude che nel rispetto delle altre condizioni e degli adempimenti che la norma prevede per poter richiedere l’agevolazione, in tale situazione è comunque indispensabile che nel provvedimento amministrativo che ha autorizzato i lavori risulti chiaramente il cambio di destinazione d’uso (da magazzino ad abitativo).
3 mesi fa
About Energy

Cappotto termico: alla ripartizione delle spese partecipano anche i condomini dei locali interrati

La Cassazione chiarisce che le spese per l’isolamento a cappotto di un condominio devono essere ripartite fra tutti i condomini, anche tra i proprietari di box, cantine, magazzini
Con l’ordinanza n. 10371/2021 la Corte di Cassazione fornisce degli utilissimi chiarimenti sulle spese di ripartizione di interventi di isolamento termico tra i proprietari di un condominio.
Tali delucidazioni appaiono utili ed attualissime visto che il cappotto termico è il principale intervento trainante detraibile con il Superbonus 110%
... Vedi di piùVedi di meno

Cappotto termico: alla ripartizione delle spese partecipano anche i condomini dei locali interrati

La Cassazione chiarisce che le spese per l’isolamento a cappotto di un condominio devono essere ripartite fra tutti i condomini, anche tra i proprietari di box, cantine, magazzini
Con l’ordinanza n. 10371/2021 la Corte di Cassazione fornisce degli utilissimi chiarimenti sulle spese di ripartizione di interventi di isolamento termico tra i proprietari di un condominio.
Tali delucidazioni appaiono utili ed attualissime visto che il cappotto termico è il principale intervento trainante detraibile con il Superbonus 110%
3 mesi fa
About Energy

Superbonus: ok unico contraente generale, ma attenzione al compenso

Per le Entrate il contribuente che si affida ad un unico contraente generale per progettazione e realizzazione delle opere può fruire del Superbonus, ma le spese per mero coordinamento non sono agevolate

Con l’interpello n. 254/2021 l’Agenzia delle Entrate chiarisce che il contribuente, che riceve da un unico “contraente generale” le fatture relative sia alla progettazione e alla realizzazione delle opere agevolate, sia agli altri servizi professionali necessari per la realizzazione dei lavori e per l’effettuazione delle pratiche amministrative e fiscali, inderogabili ai fini dell’agevolazione (visto di conformità e asseverazioni), può fruire del Superbonus, anche scegliendo l’opzione dello sconto in fattura.

Tuttavia l’eventuale compenso per le attività di mero coordinamento del general contractor non sono agevolabili.
... Vedi di piùVedi di meno

Superbonus: ok unico contraente generale, ma attenzione al compenso

Per le Entrate il contribuente che si affida ad un unico contraente generale per progettazione e realizzazione delle opere può fruire del Superbonus, ma le spese per mero coordinamento non sono agevolate

Con l’interpello n. 254/2021 l’Agenzia delle Entrate chiarisce che il contribuente, che riceve da un unico “contraente generale” le fatture relative sia alla progettazione e alla realizzazione delle opere agevolate, sia agli altri servizi professionali necessari per la realizzazione dei lavori e per l’effettuazione delle pratiche amministrative e fiscali, inderogabili ai fini dell’agevolazione (visto di conformità e asseverazioni), può fruire del Superbonus, anche scegliendo l’opzione dello sconto in fattura.

Tuttavia l’eventuale compenso per le attività di mero coordinamento del general contractor non sono agevolabili.
4 mesi fa
About Energy

Demolizione e ricostruzione: no all’ecobonus 110 per la volumetria eccedente

Dalle Entrate il no all’ecobonus 110% applicato alla volumetria eccedente dopo una demolizione/ricostruzione. Sì al sismabonus 110% per quella stessa volumetria in più
L’Agenzia delle Entrate con la risposta all’interpello n. 175/2021 aggiunge alcuni chiarimenti nel caso di immobili residenziali demoliti e ricostruiti attraverso una pratica di “ristrutturazione edilizia“.

L’interpello chiarisce a quale delle agevolazioni ordinarie (ecobonus e sismabonus) sia applicabile l’aliquota al 110% (Superbonus) per l’eventuale volumetria in eccesso conseguente alla ricostruzione.
L’interpello
Il contribuente istante possiede due unità abitative (A/2) con relative pertinenze (due nella categoria catastale C/6 e una nella C/2). Nello stesso immobile è presente anche un’altra unità immobiliare (A/2) con relativa pertinenza (C/6) di proprietà di un secondo soggetto.
L’istante premette che si vuole intervenire sull’intero fabbricato attraverso una “ristrutturazione edilizia” ai sensi dell’art. 3, comma 1, lettera d) del Testo unico dell’edilizia, consistente nella demolizione e ricostruzione dell’edificio con ampliamento di volumetria.
In particolare, si intendono effettuare i seguenti interventi:
antisismici;
di efficientamento energetico.
L’istante chiede, tra l’altro, se possa usufruire dell’agevolazione al 110% su ecobonus e sismabonus anche sulla parte di ampliamento.
La risposta dell’Agenzia
Le Entrate ribadiscono che l’agevolazione (Superbonus) spetta agli interventi realizzati mediante demolizione e ricostruzione inquadrabili nella categoria della “ristrutturazione edilizia” ai sensi dell’art. 3, comma 1, lett. d) del dpr 380/2001.
In merito alla possibilità di detrarre le spese relative all’incremento di volume, a differenza del sismabonus al 110% (applicabile alla volumetria originaria più quella eccedente), la detrazione fiscale legata al ecobonus 110% non si applica alla parte eccedente il volume rispetto al fabbricato originario.
L’applicazione del solo ecobonus al 110% è limitata alla volumetria del fabbricato esistente, ossia prima della demolizione.
L’Agenzia in merito specifica che in tale caso il contribuente ha l’onere di mantenere distinte, in termini di fatturazione e contabilità, le due tipologie di intervento (ristrutturazione e ampliamento).
In tal caso l’istante deve essere in possesso di un’apposita attestazione che indichi gli importi riferibili a ciascuna tipologia di intervento, rilasciata dall’impresa o dal direttore dei lavori sotto la propria responsabilità, utilizzando criteri oggettivi.
Per quel che riguarda il limite di spesa, le Entrate chiariscono che gli interventi di sismabonus saranno pari a 96.000 euro per ciascuna delle 7 unità complessive (3 unità immobiliari residenziali più 4 unità immobiliari non residenziali) che costituiscono l’edificio.
... Vedi di piùVedi di meno

Demolizione e ricostruzione: no all’ecobonus 110 per la volumetria eccedente

Dalle Entrate il no all’ecobonus 110% applicato alla volumetria eccedente dopo una demolizione/ricostruzione. Sì al sismabonus 110% per quella stessa volumetria in più
L’Agenzia delle Entrate con la risposta all’interpello n. 175/2021 aggiunge alcuni chiarimenti nel caso di immobili residenziali demoliti e ricostruiti attraverso una pratica di “ristrutturazione edilizia“.

L’interpello chiarisce a quale delle agevolazioni ordinarie (ecobonus e sismabonus) sia applicabile l’aliquota al 110% (Superbonus) per l’eventuale volumetria in eccesso conseguente alla ricostruzione.
L’interpello
Il contribuente istante possiede due unità abitative (A/2) con relative pertinenze (due nella categoria catastale C/6 e una nella C/2). Nello stesso immobile è presente anche un’altra unità immobiliare (A/2) con relativa pertinenza (C/6) di proprietà di un secondo soggetto.
L’istante premette che si vuole intervenire sull’intero fabbricato attraverso una “ristrutturazione edilizia” ai sensi dell’art. 3, comma 1, lettera d) del Testo unico dell’edilizia, consistente nella demolizione e ricostruzione dell’edificio con ampliamento di volumetria.
In particolare, si intendono effettuare i seguenti interventi:
antisismici;
di efficientamento energetico.
L’istante chiede, tra l’altro, se possa usufruire dell’agevolazione al 110% su ecobonus e sismabonus anche sulla parte di ampliamento.
La risposta dell’Agenzia
Le Entrate ribadiscono che l’agevolazione (Superbonus) spetta agli interventi realizzati mediante demolizione e ricostruzione inquadrabili nella categoria della “ristrutturazione edilizia” ai sensi dell’art. 3, comma 1, lett. d) del dpr 380/2001.
In merito alla possibilità di detrarre le spese relative all’incremento di volume, a differenza del sismabonus al 110% (applicabile alla volumetria originaria più quella eccedente), la detrazione fiscale legata al ecobonus 110% non si applica alla parte eccedente il volume rispetto al fabbricato originario.
L’applicazione del solo ecobonus al 110% è limitata alla volumetria del fabbricato esistente, ossia prima della demolizione.
L’Agenzia in merito specifica che in tale caso il contribuente ha l’onere di mantenere distinte, in termini di fatturazione e contabilità, le due tipologie di intervento (ristrutturazione e ampliamento).
In tal caso l’istante deve essere in possesso di un’apposita attestazione che indichi gli importi riferibili a ciascuna tipologia di intervento, rilasciata dall’impresa o dal direttore dei lavori sotto la propria responsabilità, utilizzando criteri oggettivi.
Per quel che riguarda il limite di spesa, le Entrate chiariscono che gli interventi di sismabonus saranno pari a 96.000 euro per ciascuna delle 7 unità complessive (3 unità immobiliari residenziali più 4 unità immobiliari non residenziali) che costituiscono l’edificio.Image attachment
6 mesi fa
About Energy

Nuovo balometro testo 420 per soddisfare in modo rapido e preciso le linee guida e le norme d'igiene in materia di qualità dell'aria negli ambienti chiusi negli impianti di ventilazione e climatizzazione.

Dario Spartaco Baldi
... Vedi di piùVedi di meno

Nuovo balometro testo 420 per soddisfare in modo rapido e preciso le linee guida e le norme digiene in materia di qualità dellaria negli ambienti chiusi negli impianti di ventilazione e climatizzazione.

Dario Spartaco Baldi

Commenta su Facebook

Ciao Darius !!

Miticooo

Ciao Dario! 🤗😘

7 mesi fa
About Energy

SUPERBONUS: ok alla sostituzione della caldaia con due impianti distinti

Le Entrate chiariscono il caso di sostituzione di una caldaia a gasolio con uno scaldabagno a pompa di calore e una stufa a pellet in un edificio unifamiliare
Condividi questo articolo

Con l’interpello dell’Agenzia delle Entrate n. 600 si chiarisce che, nel caso di interventi su un edificio unifamiliare, sono detraibili con il Superbonus 110 le spese per gli interventi di sostituzione di una caldaia a gasolio con uno scaldabagno a pompa di calore ed una termostufa a pellet.

Il quesito posto al Fisco
Il proprietario di un’abitazione unifamiliare vuole sostituire la caldaia a gasolio adibita al riscaldamento dell’abitazione e alla produzione di acqua calda sanitaria, con due impianti diversi:

uno scaldabagno a pompa di calore per la produzione di acqua calda sanitaria;
una termostufa a pellet per il riscaldamento dell’abitazione.
Chiede se tali interventi sono detraibili con il Superbonus 110 (art. 119 del dl 34/2020, come modificato dalla legge di conversione n. 77/2020).

La risposta delle Entrate
L’Agenzia delle Entrate ritiene che nel suddetto, nel rispetto dei requisiti previsti e degli adempimenti richiesti, sia possibile beneficiare del Superbonus in quanto:

lo “scaldabagno a pompa di calore per la produzione di acqua calda sanitaria” rientra tra gli interventi trainanti di cui alla citata lettera c), comma 1, dell’articolo 119;
la “termostufa a pellet“, quale generatore di calore alimentata a biomassa combustibile, ai sensi del comma 2-bis dell’articolo 14 del decreto n. 63 del 2013, rientra tra gli interventi di efficientamento energetico che godono dell’ecobonus e, pertanto, può essere considerato un intervento trainato ai sensi del comma 2 del medesimo articolo 119.
... Vedi di piùVedi di meno

SUPERBONUS: ok alla sostituzione della caldaia con due impianti distinti

Le Entrate chiariscono il caso di sostituzione di una caldaia a gasolio con uno scaldabagno a pompa di calore e una stufa a pellet in un edificio unifamiliare
Condividi questo articolo

Con l’interpello dell’Agenzia delle Entrate n. 600 si chiarisce che, nel caso di interventi su un edificio unifamiliare, sono detraibili con il Superbonus 110 le spese per gli interventi di sostituzione di una caldaia a gasolio con uno scaldabagno a pompa di calore ed una termostufa a pellet.

Il quesito posto al Fisco
Il proprietario di un’abitazione unifamiliare vuole sostituire la caldaia a gasolio adibita al riscaldamento dell’abitazione e alla produzione di acqua calda sanitaria, con due impianti diversi:

uno scaldabagno a pompa di calore per la produzione di acqua calda sanitaria;
una termostufa a pellet per il riscaldamento dell’abitazione.
Chiede se tali interventi sono detraibili con il Superbonus 110 (art. 119 del dl 34/2020, come modificato dalla legge di conversione n. 77/2020).

La risposta delle Entrate
L’Agenzia delle Entrate ritiene che nel suddetto, nel rispetto dei requisiti previsti e degli adempimenti richiesti, sia possibile beneficiare del Superbonus in quanto:

lo “scaldabagno a pompa di calore per la produzione di acqua calda sanitaria” rientra tra gli interventi trainanti di cui alla citata lettera c), comma 1, dell’articolo 119;
la “termostufa a pellet“, quale generatore di calore alimentata a biomassa combustibile, ai sensi del comma 2-bis dell’articolo 14 del decreto n. 63 del 2013, rientra tra gli interventi di efficientamento energetico che godono dell’ecobonus e, pertanto, può essere considerato un intervento trainato ai sensi del comma 2 del medesimo articolo 119.
7 mesi fa
About Energy

BONUS IDRICO

La legge di Bilancio 2021 ha introdotto il nuovo bonus per il risparmio di risorse idriche: 1000 euro per sostituire sanitari e rubinetterie che consumano meno acqua

La legge di Bilancio 2021 prevede l’istituzione, nello stato di previsione del Ministero dell’ambiente, del “Fondo per il risparmio di risorse idriche”, con una dotazione di 20 milioni di euro per il 2021. La finalità del fondo (indicata dal comma 2) è quella di riconoscere, alle persone fisiche residenti in Italia, nel limite di spesa suindicato e fino ad esaurimento delle risorse, un “ bonus idrico ” pari a 1.000 euro per ciascun beneficiario.

Il nuovo bonus idrico
Il bonus si potrà utilizzare entro il 31 dicembre 2021 per interventi di sostituzione di vasi sanitari in ceramica con nuovi apparecchi a scarico ridotto e di apparecchi di rubinetteria sanitaria, soffioni doccia e colonne doccia esistenti con nuovi apparecchi a limitazione di flusso d’acqua, su edifici esistenti, parti di edifici esistenti o singole unità immobiliari.

Spese ammissibili
Le spese ammissibili alla contribuzione sono quelle (elencate dal comma 3) sostenute per:

- la fornitura e posa in opera di vasi sanitari in ceramica con volume massimo di scarico uguale o inferiore a 6 litri e relativi sistemi di scarico, comprese le opere idrauliche e murarie collegate e lo smontaggio e dismissione dei sistemi preesistenti;
- la fornitura e installazione di rubinetti e miscelatori per bagno e cucina, compresi i dispositivi per il controllo di flusso di acqua con portata uguale o inferiore a 6 litri al minuto e di soffioni doccia e colonne doccia con valori di portata di acqua uguale o inferiore a 9 litri al minuto, comprese le eventuali opere idrauliche e murarie collegate e lo smontaggio e dismissione dei sistemi preesistenti.
Viene altresì precisato (dal comma 4) che il “bonus idrico” in questione non costituisce reddito imponibile del beneficiario e non rileva a fini ISEE.

La definizione delle modalità e dei termini per l’erogazione e l’ottenimento del “bonus”, anche ai fini del rispetto del limite di spesa, è demandata (dal comma 5) ad un apposito decreto del Ministro dell’ambiente che dovrà essere emanato entro 60 giorni dall’entrata in vigore della presente legge.

Il nuovo bonus è stato introdotto nella legge di Bilancio 2021 da un emendamento approvato alla Camera, si attende la pubblicazione in Gazzetta del testo definitivo.
... Vedi di piùVedi di meno

BONUS IDRICO

La legge di Bilancio 2021 ha introdotto il nuovo bonus per il risparmio di risorse idriche: 1000 euro per sostituire sanitari e rubinetterie che consumano meno acqua

La legge di Bilancio 2021 prevede l’istituzione, nello stato di previsione del Ministero dell’ambiente, del “Fondo per il risparmio di risorse idriche”, con una dotazione di 20 milioni di euro per il 2021. La finalità del fondo (indicata dal comma 2) è quella di riconoscere, alle persone fisiche residenti in Italia, nel limite di spesa suindicato e fino ad esaurimento delle risorse, un “ bonus idrico ” pari a 1.000 euro per ciascun beneficiario.

Il nuovo bonus idrico
Il bonus si potrà utilizzare entro il 31 dicembre 2021 per interventi di sostituzione di vasi sanitari in ceramica con nuovi apparecchi a scarico ridotto e di apparecchi di rubinetteria sanitaria, soffioni doccia e colonne doccia esistenti con nuovi apparecchi a limitazione di flusso d’acqua, su edifici esistenti, parti di edifici esistenti o singole unità immobiliari.

Spese ammissibili
Le spese ammissibili alla contribuzione sono quelle (elencate dal comma 3) sostenute per:

- la fornitura e posa in opera di vasi sanitari in ceramica con volume massimo di scarico uguale o inferiore a 6 litri e relativi sistemi di scarico, comprese le opere idrauliche e murarie collegate e lo smontaggio e dismissione dei sistemi preesistenti;
- la fornitura e installazione di rubinetti e miscelatori per bagno e cucina, compresi i dispositivi per il controllo di flusso di acqua con portata uguale o inferiore a 6 litri al minuto e di soffioni doccia e colonne doccia con valori di portata di acqua uguale o inferiore a 9 litri al minuto, comprese le eventuali opere idrauliche e murarie collegate e lo smontaggio e dismissione dei sistemi preesistenti.
Viene altresì precisato (dal comma 4) che il “bonus idrico” in questione non costituisce reddito imponibile del beneficiario e non rileva a fini ISEE.

La definizione delle modalità e dei termini per l’erogazione e l’ottenimento del “bonus”, anche ai fini del rispetto del limite di spesa, è demandata (dal comma 5) ad un apposito decreto del Ministro dell’ambiente che dovrà essere emanato entro 60 giorni dall’entrata in vigore della presente legge.

Il nuovo bonus è stato introdotto nella legge di Bilancio 2021 da un emendamento approvato alla Camera, si attende la pubblicazione in Gazzetta del testo definitivo.
Carica altri post